STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Obbligo o veritàDa timida a soddisfattaFESTA TRA AMICIio lui e ... il suo cazzone!La-maiala-di mia cugina....!la figa per mio fidanzato, e il culo per teLa ScopertaCOGNATA!!!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Adultera e contenta di esserlo.
Mi chiamo Marina, ho 58 anni,sposata con una figlia e non credevo di poter vivere un'esperienza come quella che vi racconto. Io lavoro da poco in un ufficio,e li ho fatto la conoscenza con B. un ragazzo più giovane di 28 anni in meno,con il quale ho subito legato. Un giorno che facevamo il turno insieme abbiamo iniziato a parlare del più e del meno in attesa dell'ora di uscita. Arrivate le 16 siamo saliti in ascensore, eravamo solo noi due e improvvisamente mi sono sentita afferrare i miei grossi e sodi seni dalla mano di lui,mentre l'altra scivolava tra le mie cosce ad accarezzare la mia gattina e sentivo il suo cazzo che da dietro premeva contro le mie chiappe.
Subito ho cercato di reagire,ma la voglia repressa ha avuto il sopravvento e così mi sono lasciata toccare ovunque. Nonostante la foga lui è stato molto gentile e carino, mi ha detto che non era capace resistere alla tentazione di toccarmi,e di essere attratto dalle donne più grandi. Usciti dall'ascensore,mi ha offerto un gelato che abbiamo consumato su una panchina dei giardini pubblici li vicino,lui non smetteva di toccarmi dappertutto nonostante fossimo in un luogo pubblico, io ero indecisa sul da farsi, un pò mi vergognavo ma d'altronde era tanto tempo che non veniva toccata così, visto che
quello stronzo di mio marito mi ignora nonostante un corpo ancora sodo e giovanile. Presi così la decisone, il giovane collega mi avrebbe tolto qualsiasi voglia, cercammo un posto isolato dove poter fottere senza essere disturbati, lo trovammo in un sottoscala di un vecchio palazzo semidisabitato, li mi sarei "aperta" a lui. Il ragazzo era veramente eccitato, mi prese una mano e la portò verso il basso e li potei constatare le dimensioni e la consistenza del giovane, lo presi in mano, dio era durissimo ed enorme,almeno 25 centimetri,di certo era almeno il doppio di quello di mio marito sia in lunghezza che in diametro non parliamo poi della durezza,mai visto qualcosa di simile nemmeno nei miei sogni più arditi, lo masturbai e la mia mano non riusciva a circondarlo tanto era spesso in circonferenza. Lui baciandomi dolcemente mi spinse la testa in basso, io imboccai quell'enormità con foia di adolescente e la succhiai con avidità, ripassando la gigantesca e rossa cappella come non avevo più fatto da anni, B. afferrandomi per la testa mi spinse ad ingoiare più centimetri possibile,cosa che quasi mi fece soffocare mentre lui tra i gemiti grugniva: "più giù,più giù fino alle palle". Dopo questo super pompino, lui mi spogliò, mi tolse giacca e camicetta, quasi con violenza mi sollevò la gonna e mi mise due dita nella fica ormai bagnatissima mentre con la bocca succhiava i miei capezzoli rigidi dall'eccitazione,poi passò alla mia gattina, infilò la sua lingua dentro ed io iniziai a venirmene come una 15enne,non avevo mai provato qualcosa di simile,ma mi resi conto che il meglio doveva ancora arrivare. Infatti non resistendo più gli chiesi di sbattermi come una cagna,detto fatto mi puntò quel tronco di carne contro la fica e spinse tutto dentro con un colpo secco che quasi mi uccise dal

piacere, 25 centimetri di cazzo mi infilzarono come se fossi di burro,lo sentivo praticamente in gola,anzi li per li quasi pensavo mi uscisse dalla bocca,mai avuto tanto cazzo dentro nemmeno da giovane,figuriamoci mio marito con i suoi pochi centimetri. Andammo avanti così per un'ora e mezza, lui continuava a pomparmi il suo arnese dentro senza stancarsi,io in preda a numerosi orgasmi lo incitavo a non smettere mai. Dopo tre ore(dico tre ore d'orologio!!!)mi venne dentro. Ma non si ammosciò,anzi ancora in erezione mi ficcò il cazzo in bocca e mi impose di coprirlo di saliva, mentre lui con un dito si faceva strada nel mio dolce e inviolato culetto. Già perchè,almeno prima di conoscere B. ero vergine di culo,non lo avevo concesso nemmeno a mio marito con quel suo stuzzicadenti inutile al posto del cazzo.... invece ora ero pronta e allo stesso tempo terrorizzata al pensiero di ricevere quel palo nel mio buchino posteriore. Lui fu molto dolce,appoggiò dapprima la cappella e la spinse lentamente così da abituare il mio culetto a una simile bestia,io sentii comunque un pò di dolore(ma è naturale pensai),poi spinse l'uccellone dentro per l'intera lunghezza e iniziò a pompare. Io mi sentii letteralmente aprire in due, più entrava più aumentava la velocità delle spinte,credevo di morire.... venni più volte,la mia fica zampillava come una fontana bagnando ovunque,io pensavo di non aver desiderato altro nella mia vita,un ragazzo giovane che si faceva strada nel mio ventre a colpi di un super cazzo. Dopo molto tempo lui decise di venire e lo fece con una potenza inaudita, mi fece inginocchiare con la bocca aperta davanti al suo attrezzo e un fiotto caldo di pressione incredibile arrivò sulla mia lingua, mio dio quanta ne fece, io cercai di ingoiarne la maggior parte ma ovunque mi girassi vedevo bianco. Infine ripulii il suo cazzo con sua somma gioia. Così si concluse la prima "vera"scopata della mia vita,altro che quelle inutili ed insulse con mio marito,ho detto la prima poichè adesso io e B. diamo giornalmente sfogo alla nostra foia, lo facciamo dovunque e comunque, anche a casa mia mentre lo stronzo cornuto è al lavoro per mantenermi. Ormai per me esiste solo il sesso sfrenato con il mio giovane superstallone.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 296): 6.98 Commenti (30)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10