STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Nel casolare con Mariozia mia preferita e i cazzi neri.Marina e il suo giovane amante 6La migliore amica di mia madreSensazionistefania...la mia donnaLe tre professoresse. La professoressa di chimica.Il marito di mia sorella
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Laura ci pensa su e passa all'azione
Scritta da: Stregone Bianco (2)

L’indomani mi svegliai molto presto, molto allegro per la serata appena trascorsa, ma con un sacco di domande che mi ronzavano per la testa. Colazione alla svelta e vidi che la porta della stanza di Laura era chiusa, evidentemente era ancora a dormire; non so se aveva lezione quel giorno, ma la non la svegliai e andai in facoltà. A lezione a tutto pensavo fuorché a letteratura italiana. La mente andava in continuazione alla sera prima, alla situazione venutasi a creare tra me e la mia coinquilina. Fantasie delle più svariate stavano popolando le ore e l’attesa degli sviluppi della faccenda mi faceva tenere un erezione continua durante l’orario di lezione, che riuscivo a tenere nascosta mentre ero seduto ai banchi dell’aula.

Tornai a casa in serata, al tramonto, e mi accorsi di una cosa non appena entrai in casa. Uno strano silenzio. Di norma Laura torna prima di me e a quell’ora è in camera a guardare la tv o a studiare. Ora era tutto spento. Pensai che era uscita, e non me ne preoccupai più di tanto.

Intorno alle nove era ancora fuori e le scrissi un messaggio. Le chiesi se sarebbe tornata a cena, se dovevo aspettarla. Rispose subito: -Ciao, sono andata al paese a trovare i miei, non mi aspettare. Ci vediamo settimana prossima. Bacione- . La solita Laura, non quella della sera prima, ma la vecchia. Quasi mi dispiaceva della risposta, ma era ovvio che si era resa conto di aver esagerato e che voleva starsene senza vedermi. Forse pensava di cambiare casa addirittura. Non ci pensai più e decisi che avrei atteso il volgersi degli avvenimenti.



Passò una settimana e una sera, un lunedì, la mia amica tornò a casa. Aprì la porta e io le andai incontro a salutarla, molto tranquillamente.
-Ciao!- le dissi subito.
Lei si dimenava con la valigia per fare passare la valigia dalla porta che le si era inavvertitamente chiusa sul bagaglio. Era pesante e mi rispose: - ciao, mi dai una mano o resti come un baccalà a guardarmi?-
Sentirmi apostrofare in quella maniera, mi rimise davanti la Laura che conoscevo, la solita saccentella che non si piega davanti a nulla. Le presi la valigia e gliela portai in camera.
-Com’è andata mentre ero via?- chiese.
-Bene, bene!Tu piuttosto…-
-IO cosa?-
-Sei andata via così, d’improvviso…-
-Ma no, nulla, volevo andare un po’ a casa da giorni, ero stanca. Ho approfittato per rivedere qualche vecchio amico e rieccomi qua.-
Ed eccola qua, infatti. Non dissi nulla e tornai in camera.
Mi fermò e disse:- Stasera viene un’amica a cena, ci fai compagnia? Mi farebbe piacere.-
Accettai. –Ti chiamo quando è pronto allora, vai pure a studiare-


La sera arrivò la sua amica, Francesca, una ricciolina niente male, bionda, alta, con le forme che piacciono a me, un sedere da schianto, ma con un difetto per me enorme: la parlantina di un’oca.
Ci sedemmo a tavola e io portai del vino delle mie parti, versandone alle due ragazze. Laura bevve il suo con calma, mentre Francesca lo vuotò il suo bicchiere in meno tempo. E parlava, parlava… Io ero meno loquace del solito, ero sì un po’ stanco, ma vedevo Laura un po’ silenziosa e pensavo stesse pensando male di quello che era successo tra noi. Francesca mi faceva un sacco di domande, cosa studiavo, da quanto ci conoscevamo e altro. Laura invece parlava solo con lei, come se volesse frenarla.
-Come è andata con Riccardo a proposito?- esordì ad un certo punto Francesca rivolta a Laura.
-Benino direi- fu la risposta
-Benino? Che cavolo vuol dire? Te lo sei fatto?- e sorrise maliziosa. Io pensavo che il vino stesse facendo effetto e sogghignavo per la piega che stava prendendo il discorso.
Francesca giocava con le dita tra i riccioli biondi e continuava a far domande a Laura, che le rispondeva vaga.
-Insomma non mi stai dicendo nulla, Laura-
-Evidentemente non c’è molto da dire, no?!-
-Vi siete visti però?-
-Sì, un paio di volte-
Credei che Laura non riuscisse a parlare apertamente a causa della mia presenza. Mi venne un’idea.
-Ragazze, scusatemi un attimo – interruppi,- devo fare una telefonata breve- e mi alzai. Andai in camera, e richiusi la porta dietro di me, avendo cura però di riabbassare la maniglia nel momento stesso in cui sentivo lo scatto della serratura, con l’effetto di chiudere e riaprire la porta in un’unica manovra. Ora avevo la porta aperta sul corridoio che dava verso la cucina; ero, non visto, al buio.

-Senti la vuoi finire di fare la stupida?- era Laura a parlare. –te lo racconterò in un altro momento, ora non ho voglia.-
-Scommetto che fai così solo perché è presente il tuo coinquilino. Solo per questo? Non hai detto che siete solo amici?-
-Sì, lo siamo, ma non vedo cosa c’entri con il mettere in piazza i fatti miei.-
-Ma che problema vuoi che ci sia, sei sempre la solita esagerata, non cambi mai.-
-Senti, non gli ho raccontato nulla di queste faccende personali al paese… e sinceramente non so se lo farò nemmeno. Se però decidessi di farlo vorrei essere io a parlarne non ti pare?-
-Vedi un po’ tu… senti, ma te lo scopi?-
-No!- freddamente.
-No?! Ci credo poco… due anni in casa insieme e mi vuoi fare credere che non è successo nulla? A me puoi dirlo.-
-Ascolta, non sono una puttanella, se ti dico che è così, è così!-
Chissà perché avevo intuito una risposta del genere, me l’aspettavo. Dunque Laura si era tenuta il segreto. Si era trattato solo di un gioco, o forse c’era dell’altro, la cosa mi sembrava fosse nata e terminata la sera di una settimana prima. Ma questo Riccardo? Chi sarebbe? Una cosa fu chiara: Laura aveva i suoi segreti, altro che la brava ragazzina che avevo conosciuto. Mi sforzai di far sparire dalla mente quel cattivo pensiero e mi dissi che avrà avuto le sue motivazioni per comportarsi da “puttanella” con me.
-Sarà, ma io fossi in te ce lo farei un pensierino, hai visto che spalle ha?-
-Ho visto, non pensare che sia cieca.-
-Insomma, mi dici come è andata con Ricky?-
-Non ci sto insieme, se ti fa felice!-
-Se sono felice, ma che cavolo dici, Laura. Se tu sei serena allora sono felice. Non lo dico per dire.-
-A dir la verità, non credo di essere il suo tipo.- disse con un sospiro Laura.
-Dici? Come lo sai?-
-Abbiam parlato… e poi credo di essermi stancato di lui-
-Ascolta, lo vuoi un consiglio? E’ già troppo il tempo che gli hai concesso, fregatene ora! Distraiti, fai altro.-
-E cosa?-
-Posso rinnovare l’invito ad approfittarti del tuo coinquilino?- disse con una risatina. Fatti una cavalcata con lui, secondo me, tempo mezza giornata non pensi più a quella testa vuota di Riccardo.-

Io avevo il pene sveglio da un po’ ormai, non potevo controllare la reazione a quelle parole. Ma che porca deve essere sta Francesca? Aspettai un po’ prima di uscire, poi quando la “situazione” nei piani bassi era sotto controllo, con cautela, feci le mosse di riaprire la porta e tornai a tavola.
Adesso parlavano di tutt’altro, addirittura di come i costi dei biglietti ferroviari fossero in costante aumento negli ultimi tempi. Che stronze le donne, quando ci si mettono!

La cena proseguì tranquillamente e terminammo per le dieci. Le salutai e andai a dormire, senza tendere tranelli questa volta. Ero sicuro che da sole in camera di Laura avrebbero parlato di peste e corna. Personalmente avevo ascoltato abbastanza e decisi che ora avrei atteso qualche mossa di Laura. Cosa che non tardò ad avvenire.
Un paio di giorni dopo, ci trovammo insieme a fare colazione. Lei era allegra, addirittura iperattiva. Parlava come se avesse tante cose da dire, ma di argomenti che sinceramente non mi interessavano. L’università bla, le lezioni bla bla… Ma chi se ne fregava!!! Ancora non vuotava il sacco.
-Stasera che fai?- mi chiese.
-Niente in particolare. Nessun programma comunque.-
-Se ti va, potremmo cenare insieme e poi usciamo a fare un giro in città. Che ne dici?-
-Per me va bene-
-Allora a stasera!- sorrise, prese la sua borsa e uscì di casa.

La sera, cenammo da soli in casa, il suo umore non era cambiato, scherzava tantissimo e rideva, la vedevo serena come mai l’avevo vista prima. –Ottimo- pensai.
Uscimmo e ci dirigemmo in un pub in città, niente di particolare, Laura non è la frequentatrice classica di discoteche e so che preferisce questo tipo di ambienti, come me del resto. Ci sedemmo ad un tavolo dove ci aspettava Francesca con alcuni suoi amici. –Che figa!- questo sarebbe stato il commento adeguato.
Ma Laura quella sera non scherzava nemmeno. Si era messa una gonna nera lunga, genere di abbigliamento che le piace e le dona, e una camicia nera che lasciava intravedere la sua scollatura generosa. Quella sera, parlò sempre e solo con me, sorseggiando una birra.
-Ti devo parlare poi, quando hai due minuti.- le dissi.
-Va bene- rispose – tanto so già a cosa ti riferisci- e sorrise maliziosa.
-Ah lo sai?-
-Mi avresti sorpreso se non avessi tirato fuori l’argomento. Comunque non qui, ne parleremo con calma a casa. Devo dirti alcune cose anche io.-

Uscimmo dal locale intorno a mezzanotte. Ci avviammo sulle scale che conducevano al nostro rione e cominciammo a chiacchierare.
Lei subito mi disse che era dispiaciuta dell’essere partita improvvisamente e mi chiese se me l’ero presa.
-Non sono tuo padre, Laura, né il tuo ragazzo. Puoi fare come vuoi senza tante spiegazioni.- la tranquillizzai.
-No, è che solo che me ne sono andata quasi scappando la mattina dopo, dopo una serata come quella…-
-Sei scappata dunque?-
-No, era per dire, avevo da fare al paese…-
-Immagino- interruppi. – Chi è Riccardo?-
Si rabbuiò.
-Non mi devi spiegazioni-, ripresi,- ma perché nascondermi che hai un ragazzo?-
-Non ce l ‘ho in effetti.-
-Sì, non ce l’hai, ma sei andata al paese per raggiungere questo personaggio. Poi non so come è andata, ma l’intenzione era quella, vero?-
-Sì…-
-Allora non mi sbagliavo.-
-Riguardo a?-
-La sera precedente, sei stata con me. Ma il motivo mi sfuggiva.-
-E adesso cosa hai capito?-
-Che volevi divertirti evidentemente.-
-Stronzo! Stai pensando che io sia una troia?!?- era arrabbiatissima ora e alzava la voce.
-Calmati, non ti sto dando della troia, ma mi chiedo, perché io e te siamo finiti a letto, se la Laura che conosco quelle cose non le fa? E oltretutto, so che se stai con un ragazzo, non sei la tipa da andare con altri.- la guardai… - quindi perché?-
Lei camminava in silenzio senza parlare. Era nera! Cominciò a singhiozzare guardando a terra mentre camminava.
-Calmati Laura, non voglio offenderti. Non ti faccio più domande, solo che non ti vedo più serena e non capisco il perché di alcuni tuoi comportamenti. Sai che non sono la persona più adatta a commentare la tua moralità, però sei mia amica!-
-E cosa pensi adesso di questa tua amica?-
-Che se per lei continuare a considerarmi amico, malgrado quello che c’è stato va bene, io ne sono felice, innanzitutto. E poi vorrei che non mi mentisse se ci sono di mezzo io! Dei suoi affari può farne quello che vuole, ma se vuole un amico e consigliere io sono qui.- la guardai- ora smetti di piangere però.-
Smise di piangere. Riprese a parlare:- cosa volevi dirmi prima nel locale?-
-Forse adesso non lo vuoi più sapere.-
-No, ora me lo dici. Tanto so che parli di quella sera.-
-Appunto!-
-Quindi?-
-Tu sei stata bene?-
-Sì!-
-Sicura?-
-Lo sai, altrimenti ti avrei impedito di andare avanti.-
-Ma non mi sembra che tu voglia più toccare ‘argomento…-
-Ti sbagli. Quella sera ho visto un lato di me che non conoscevo e che mi ha spaventato. Tu sembravi così sicuro di quel che facevi.. Lì mi sono accorta di quanto sia inesperta.- sospirò e riprese: -e poi volevo veramente capire che si deve fare in quei casi. Ero andata al paese per vedere quel tipo. In passato mi raccontava le sue esperienze sessuali, io ne ero innamorata e ascoltavo. Ne ha combinate di tutti i colori con le sue ex-amichette, così ho pensato che non avevo possibilità con lui.-
La interruppi qui: -e l’hai fatto con me perché volevi fare quella “pratica” di cui mi chiedesti?- ero sbalordito, sinceramente.
Non mi guardava più in faccia. Disse solo: -adesso mi stai trattando di nuovo da troia. Basta così, non ne voglio più parlare.-
Camminavamo, eravamo quasi arrivati a casa e lei riprese: -Ti basti sapere che mi è piaciuto. Te lo dissi anche quella sera. Ma nella notte pensavo a quanto mi fossi comportata da puttana con te. E che avevo perso la tua amicizia e altri pensieri. Avrei potuto aspettare a partire, ma mi vergognavo e sono veramente scappata. Scusami…-
-Non fa nulla! Siamo amici?-
-Sì!-
Sorrisi ed entrammo in casa. Lei andò in camera sua, io nella mia. Ora ero veramente stanco, mi misi a letto e aprii un libro per addormentarmi. Pensavo a quanto era strana la sensazione di noi due a fare sesso la settimana prima, che oltretutto qualche istante prima Laura mi aveva confessato che le era piaciuto stare con me. Mi addormentai.
Mi svegliai che bussavano alla porta. Era Laura, le dissi di entrare.
-Senti che fai?- chiese con aria stanca. Non si era cambiata, aveva ancora i vestiti della sera addosso.
Mentii, stavo dormendo… -Niente, leggo un po’, perché?-
-Non so che fare, mi fai compagnia?-
-Cosa vorresti fare?-
-Non so, qualsiasi cosa,pur di non restare sola a pensare. Ti va di giocare a Trivial pursuit?
-e Trivial sia-
Andò a prendere la scatola del gioco, tornò e si sedette sul letto. Cominciammo a giocare, ridendo allegramente ad ogni errore. La prendevo in giro eprchè a quel gioco la stracciavo completamente, e lei si divertiva sempre a sentirmi prenderla in giro. Giocavamo da una trentina di minuti, quando mi fa una domanda di geografia. –Dove si trova l’isola di Pitcairn?-
-Nel sud Pacifico- le risposi. –è un’isola piccola, dove 200 anni fa si rifugiarono gli ammutinati del Bounty.-
-Il solito saccente.- mi apostrofò, -e sentiamo, com’è fatta quest’isola visto che fai tanto il gradasso?-
-Non so come sia fatta, ma so cosa farei in un posto del genere.-
-Che ci faresti?-
-Mi porterei una donna come dico io e ci farei sesso in continuazione.- e risi alla sua espressione.
-Del sesso di che tipo?-
-Sesso come piace a me!-
-E sarebbe?-
-Ehi non cominciare con le domande, lo sai che non ti sopporto quando fai così!-
-Davvero?-
-Sì!-
-Scusa, però riesci sempre ad incuriosirmi con le tue risposte-, resto in silenzio. Poi riprese: -la scorsa volta hai fatto con me cose che ti piacevano?-
-Credo di sì!-
-Credi?!-
-Non abbiam fato molto, non ti pare?- il gioco adesso era l’ultimo dei miei pensieri.
-Per me abbiamo fatto anche troppo.-
-Allora sei pentita!-
-..no!-
-A tal punto che lo rifaresti?-
Non rispose. Era un sì, dunque. Ora stava a me condurre l’azione.
-Ti ho fatto una domanda!- la incalzai.
-Quella sera si era creata una certa atmosfera!-
-Erano le tue domande a crearla, fidati.-
-Dici? Ma mi hai appena detto che non vorresti sentire alcuna domanda..-
-Quindi vorresti farmi delle domande per ricreare l’atmosfera?-
-…sì!-

La guardai per qualche istante. Mi fissava anche lei. Spinsi via il Trivial dal letto e mi alzai sulle ginocchia. Le presi i piedi, coperti dalla gonna nera e la tirai a me, allargandole le gambe. Spingevo la gonna pian piano più su, facendo percorrere la lunghezza delle sue gambe alle mie mani. Mi misi sopra di lei, che mi fissava arrossendo. Le iniziai a baciare e leccare il collo, ascoltando il suo respiro divenire di momento in momento più affannoso. Mi sollevai sulle ginocchia, le cominciai a sbottonare la camicetta e mi accorsi che anche quella volta non portava il reggiseno. Mi si spalancò di nuovo il suo seno davanti, un attimo e le ero addosso, a giocare coi suoi capezzoli. Vedevo i suoi occhi socchiusi. Le piaceva da matti, era alla ricerca del suo corpo e dei suoi istinti e la scoperta le continuava a piacere. Mi tolsi la maglia e lei si tirò su a sedere, avventandosi contro il mio petto, cominciando a leccarlo, passandomi la lingua sui capezzoli e accarezzandomi la schiena intanto. Sentivo il contatto della sua pelle, i sui seni che mi toccavano il ventre. Quella meraviglia era mia e le passai le mani sulla schiena fino ad impugnare le sue tette tra i miei pugni, gliele strinsi. –Mi fai male- mi disse. Allentai la presa sorridendo e mi distesi sul letto. Lei mi guardò, come se mi volesse chiedere: E ora?-. Le presi le mani e gliele portai sul mio basso ventre, lei seguì i miei movimenti e una volta poggiatele lì, le fece entrare nei miei boxer, andando ad impugnare l’oggetto del suo desiderio. Quel qualcosa di caldo, misterioso e irresistibile per lei, era di nuovo nelle sue mani. Mi sfilò i boxer e si mise in ginocchio tra le mie gambe. Non passò molto che si affacciò su di lui, prendendolo in bocca. Era ritornata la Laura di dieci giorni prima, quella che andava alla scoperta delle sue voglie. Stava cedendo a quello che le piaceva. Andava su e giù, menandolo con la destra, finché non tolse la mano e cominciò a lavorarci su, solo con la bocca. Scendeva in profondità, vedevo il mio cazzo entrarle dentro, scomparire nelle sue voglie, vedevo i suoi occhi chiusi che si guastavano il momento. Un’ora prima piangeva sentendosi una troietta, ora era lì a scoprirsi vogliosa di quello e di nient’altro.

Lasciò il mio uccello e suo nuovo amico, risalì su tutto il mio ventre leccandolo, arrivando a leccarmi il collo, mi baciò e mi disse: - Lo so che ti stai divertendo, ma non mi lasciare sola in questa cosa!- Era serissima. Aveva una paura di essere usata che si toccava con mano.
-Stai tranquilla e fidati!- risposi.
Le accarezzai la schiena, poi mi sollevai e la aiutai a sfilare la gonna. Rimasi a guardare quel corpo niente male che avevo già visto al mare tempo prima, ma ora si doveva compiere l’ultimo atto e decisi di toglierle gli slip. La denudai completamente e arrossì in maniera vistosa. –Calmati!- le sussurrai. Mi avvicinai a lei e la baciai, lei si lasciò baciare e le misi la mano sinistra tra le gambe, andando a toccare la piccola foresta di peli castani che aveva lì in basso. Le sfiorai il clitoride e la sentii fremere. Lei rimise la destra sul pene e cominciò a massaggiarmelo. Mi guardava, voleva che andassi avanti. Sentivo che si bagnava, e capii che era il momento di farle sentire che avrebbe potuto provare di più. Mi stesi di nuovo sul letto: -Vieni, metti le tue gambe dal lato della mia testa.-
-Cioè?-
-Io mi occupo di te, e tu di me- e sorrisi.
Capì tutto e si sedette sul mio viso, ponendomi a contatto con le sue labbra, con i suoi umori. Le misi le mani sui fianchi e risalendo con queste sulla schiena la spingevo sempre di più a protendersi verso il mio cazzo che ora pulsava da impazzire.
Lei seguì il mio tacito ordine e si diresse su di lui, accogliendolo subito nella sua calda bocca! Riportai le mie mani sulla sua figa bagnata e cominciai a sbucciargliela come un piccolo frutto. La stavo mettendo a contatto con la mia lingua, ansimava e godeva ora.
-Sì, così- mi disse.
Le stava piacendo. Riprese: -a te piace quello che faccio?-
-Sì, e non fermarti!- le ordinai.
Riprese, sentivo la sua bocca piena dei miei umori, il rumore di questi nei suoi movimenti era distinguibile. Le passai un dito vicino al suo piccolo buco posteriore. Lei non disse nulla e continuò la sua opera, ma la conosco, so che appena gliel’ho toccato, le saranno venuti in mente miliardi di pensieri.
Non si fermava, e andammo avanti per un po’ così. Poi io feci per staccarmi e le mostrai le mie intenzioni, ponendogli una mano in mezzo alle gambe, e titillandola la penetrai con un dito. Ansimò, quasi urlò! Non se lo aspettava, non così intenso.
Le presi le gambe e gliele aprii. Era di nuovo impotente davanti a me, come la volta scorsa, ma adesso non mi fermava. Non disse niente, io mi avvicinai e poggiai la mia cappella sulla sua apertura, sentii i suoi peli sfiorarmi la punta. Fu troppo. Entrai per qualche cm, mentre lei si mordeva le labbra e ansimava. Poi mi fermai dandole il tempo di abituarsi. Si rilassò dopo qualche istante di fatica e imbarazzo. Allora mi permise di entrare in tutta la mia lunghezza. Le fui dentro e sentii le sue contrazioni, i suoi movimenti. Iniziai a muovermi, le misi una mano dietro una coscia e la montai così.
Non so cosa fosse per lei, un misto tra il fare l’amore e l’essere scopata, ma non disse niente. Credo avesse deciso di non porsi troppe domande.
-Non venire dentro, mi raccomando, non uso la pillola- esclamò tra mille sospiri.
Le accennai di aver capito e ora continuavo, lei mi veniva dietro nei movimenti, sembrava stesse studiando cosa dovesse fare, poi si rilassò del tutto e sentivo che ormai aveva preso il suo ritmo. Godeva, glielo leggevo in faccia, era rossa come quando si vergognava di qualcosa e intanto sorrideva dal piacere. All’ennesimo scossone datole le allargai bene le gambe e uscii da lei, andando a cercare le sue tette, i miei colli della gioia. Le venni sui capezzoli, la adornai per benino, e fu una serie di fiotti di voglia quelli che le scaricai addosso.
La guardai, era stanca e provata sia dalle sensazioni, sia dalla posizione assunta. Guardava i suoi seni pieni del mio succo e mi fece cenno di aiutarla a ripulirsi.
La aiutai, ora sorrideva. Le misi una coperta addosso e andai a darmi una ripulita. Tornai e la trovai che era ancora nel mio letto, nuda. Non aveva voglia di andarsene.
-Ti spiace se resto qui con te ancora per un po’? Non pensare di approfittartene però, ho voglia solo di compagnia!- e mi fece una linguaccia.
-Resta pure- le risposi. Mi infilai nel letto e cominciammo a chiacchierare. Andò avanti per un po’, finché io non mi addormentai. L’indomani la ritrovai ancora lì, nuda a dormire a fianco a me.



(La storia prosegue in ulteriori capitoli)

Per consigli, suggerimenti o commenti (non eccessivi) scrivete a: stregonebianco79@yahoo.it

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 81): 7.23 Commenti (15)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10