STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Il Fotografo e la vicina della Vipcome scopare mia suoceravacanza al mare con coppia maturaFESTA TRA AMICISolo a casa con leila nostra prima voltaLe chiappone di mia suocerail trans e sua sorella in mezzo io
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Piacevoli Conversazioni.
Scritta da: uomovento (6)

"Milady, siete attesa nella sala da thè, da questa parte prego". Coperta di abiti lussuosi la giovane donna si alzò dalla poltroncina sita nell'atrio, sotto la grande finestra e con accanto un piccolo tavolo sul quale erano accatastate vecchie riviste e vecchi album. Durante il suo passaggio il maggiordomo la precedeva per tenere aperta l'anta della porta, richiuderla alle sue spalle, superarla nuovamente per reggere la porta successiva. Il tutto ripetuto lungo il percorso da seguire dall'ingresso allo studio dell'Economo. Numerosi corridoi illuminati con alternanza di grandi finestre e tendaggi legati con cordoni e nappe. A terra grandi tappeti orientali riccamente ricamati con disegni floreali e motivi geometrici. Una dimora non eccessivamente grande ma sontuosa e arredata in perfetta sintonia con la campagna circostante. Trofei di caccia alle pareti e, negli angoli irregolari dell'antica costruzione, fanti in armatura con la spada sotto i palmi delle mani, all'altezza del petto, dritta sino ai piedi, il capo inclinato in avanti, in posizione di sfida, le fessure degli elmi rivolti ai passanti. L'ultima porta e il maggiordomo si pone al centro dello spazio, annunciando con voce alta e regolare l'ospite che sarebbe entrato. Un cenno di congedo ed ecco avanzare la Dama, lenta passo dopo passo, in equilibrio sulle calzature e le caviglie esili, eretta nel capo e nella schiena, davanti ad un uomo di mezza età, curvo sulle carte e al centro di una enorme scrivania in legno spesso e carica di incartamenti e documenti. L'Economo alzò il capo, poggiò la penna sul foglio e fece "Siete voi Milady, quanto tempo non vi vedo, vi vedo in ottima forma...come sempre del resto.. accomodatevi" l'ultima parola fu seguita da un baciamano gentile ma ne galante ne viscido, poichè l'uomo, nel breve tempo necessario a rivolgerle quelle parole, aveva girato intorno al tavolo e le era venuto incontro con sorprendente agilità. Spostò una poltrona di pari grandezza e importanza sulla quale egli stesso era seduto e attese finchè lei non si fosse accomodata. Lei sedeva impettita, le braccia lungo i fianchi, le mani guantate e le dita annodate su di una piccola pochette di cuoio bianco con cuciture geometriche e con i manici di metallo dorato. Anche l'abito era bianco, con qualche ricamo in blu e in rosso, la scollatura non accentuata ma comunque interessante, serrata per nascondere l'anfratto dell'accostamento dei seni, ma sufficientemente lenta per eccitare una fantasia audace. Il colloquio che seguiva sarebbe stato lungo e tedioso, l'Economo aveva riportato su libri di ottima fattura le entrate e le uscite delle proprietà della Dama, ogni botte di vino, ogni sacco di grano, ogni barile di birra, farina, sale, tutto era riportato con meticolosa imparzialità e in bella caligrafia, il tutto era letto ed esposto con meccanica lentezza. L'elenco del personale di servizio era ricco di aneddoti, precisazioni quali "il signor Mercury ha una relazione amorosa con la giovane aiutante di cucina" erano riportati con la stessa meticolosa imparzialità del numero dei barili e delle botti.

La Dama iniziava a dare segni di turbamento. Il corsetto di lana era eccessivamente caldo. Il colorito del viso da omogeneo e vagamente diafano ora era acceso e vario, rosso sulle guance e rosato in fronte e sul collo. "95 galline, 230 pecore, 41 mucche, 12 cavalli di cui 4 per il cocchio, 5 pony, 4 asini..". Per allontanare uno sbadiglio lo sguardo della giovane si posava sulle numerose scaffalature piene di libri. Alcuni grossi come le travi del soffitto, altri sottili come pagine di giornali ripiegati. Cercava di scrutare i titoli delle opere oltre la polvere, spostando lo sguardo senza espressione da un tomo all'altro finchè un'opera non attirò la sua attenzione. Il testo non era impolverato, anzi, era lucido e facilmente raggiungibile. De Sade, racconti. Posò lo sguardo sull'uomo, lo fissò così intensamente che questi avvertì il peso dell'indagine su di se, quindi interruppe la lettura. "Milady, qualcosa vi turba? ho forse sbagliato il conteggio? 20 ruote di carro erano nel magazzino, forse non è corretto?" La giovane si riprese dal calore che l'aveva stordita. Pensando che la vampata fosse visibile anche da fuori replicò nervosa, veloce e seccata. "Il vostro calcolo è perfetto, continuate pure". Aveva i muscoli della pancia tesi come corde di viola e la vampata, una volta abbandonato il viso, si era concentrata nel basso ventre, dove insisteva scaldandola, nella speranza di spegnere l'incendio cambiò inutilmente posizione sulla poltrona. La voce proseguì con la stessa indentica lentezza ma il viso della giovane non era più calmo e impassibile. Il sesso era penetrato nei suoi pensieri e quella stanza, sempre uguale durante gli anni, ora pareva diversa, era diventata il teatro della sue fantasie erotiche. Le immagini pornografiche si affollavano nella sua mente, si vedeva distesa sulla scrivania a gambe aperte al posto del libro con l'uomo che le stava innanzi intento a perlustrare le sue intimità, con la lingua golosa e insistente, le dita forti, curate e morbide entrare e uscire dalla sua carnalità. Sotto l'aspetto del topo di biblioteca, sotto la parrucca arruffata e impolverata si intravedono i tratti dell'uomo virile, del giovane piacente che sa come assediare una donna matura che è fuori dalla sua portata, dell'uomo maturo che sa come fare breccia in una donna giovane e riluttante. Ma quali erano le sue passioni? Amava cavalcare? Con queste fantasie e senza pensarci a fondo lo interruppe e domandò.

"Dite Mr. Slater, quanti anni avete?"
"Milady?"
"Mr. Slater, dite, quanti anni avete?"
"42, Milady, 43 il prossimo luglio.." una pausa e poi
"..Milady, quando vorrete i documenti sono a vostra disposizione.."
"Sono sicura che il resoconto è corretto, manderò a ritirarlo il prima possibile. Dite, è stato un inverno nevoso? come stanno i vostri frutteti? hanno sofferto il freddo?"

La conversazione procedeva piacevolmente, la giovane donna, dapprima impettita con la schiena ben distante dallo schienale ora si adagiava sulla poltrona, ridendo divertita, poggiando le braccia sottili e gesticolando con graziosa femminilità, muovendo la testa e la pettinatura alta con spensierata letizia. Le due poltrone si avvicinavano con piccoli movimenti e le braccia di lei, involontariamente, si avvicinavano alla persona di lui. L'Economo colse i messaggi della giovane e non fece nulla per scoraggiarli, anzi, mostrava le gambe magre e muscolose. Senza essere scoperta la Dama guardava attentamente ogni volta che poteva farlo. Il profumo di lei riempiva la stanza e il desiderio erotico era tangibile in entrambi gli individui. La nobildonna premeva il ginocchio contro il ginocchio dell'uomo il quale conteneva pazientemente un'erezione spontanea e vigorosa. La giovane si concentrava osservando sempre più distrattamente il bozzo al centro delle gambe di lui, perse il filo della discussione e rispose a caso più di una volta. Il rigonfiamento era ormai notevole con la carne distinguibile sotto l'abito. La mano dell'uomo, approfittando della posizione dominante data dall'altezza, le toccò il collo, solleticandola dolcemente con un gesto carico di erotismo. Lei si ritrasse immediatamente, fissandolo. L'uomo la attaccò dicendo "So cosa avete in mente Milady, la servitù è lontana, siamo soli..", lei "Come vi permettete, dimenticate la vostra posizione e il vostro decoro! Non osate toccarmi! E cosa state insinuando?" Era in piedi, rossa in volto dalla collera. Con calma l'uomo rispose "Pensate che io non sappia leggere nei vostri occhi Milady?" Nessuno si era permesso di parlarle così, cercava qualcosa da dire, aprì la bocca ma non produsse nessun suono. L'uomo portò a termine l'affondo. "Ho visto con quanto turbamento avete risposto prima, siete una sgualdrina, vestita da nobildonna, ma sempre una sgualdrina." La furia di lei stava scoppiando ma fu sorpresa alla vista dell'uomo che si slacciava le brache. "Eccovi accontentata Milady, ecco il pane per i vostri denti" Si alzò anch'egli e le fu affianco. Le mani della giovane donna erano strette sui manici della borsa, gli occhi fissi sul sesso dell'uomo, la bocca chiusa in una smorfia di disapprovazione e desiderio, la collera divampava ancora ed era combattuta tra il desiderio di avere per se il fallo dritto e caldo dell'uomo e il desiderio di vendicarsi dell'offesa ricevuta. L'uomo continuava a offenderla toccandosi e masturbandosi davanti ai suoi occhi. "Sei una giovane cavalla in calore" le diceva a bassa voce. Lei alzò lo sguardo e lo fissò brevemente e come una forza della natura che irrompa dopo essere stata a lungo trattenuta cedette al desiderio del sesso. Posò la borsa e si umiliò.

Una volta in ginocchio fissò l'oggetto della sua fantasia, ora concreta e realizzata. Invitò l'uomo a sedersi sulla poltrona poi lo prese in mano. L'uomo la guardava impassibile, in attesa. La giovane avvicinò la bocca, con la lingua inumidì la punta. Il braccio scendeva e si arrampicava sul membro enorme, impugnandolo con la mano aperta, le dita sottili stringevano il muscolo bruno e caldo. La bocca formosa si avvicinava alla punta baciandolo a labbra strette, le dita aperte scendevano lungo l'asta carnosa e spargevano la saliva colata durante il bacio. Leccava i testicoli come una gatta culla i propri piccoli e con la mano continuava a massaggiare il nervo gonfio. Non lo prese in bocca ma si scostò e si alzò. L'uomo la guardava deluso. La giovane, sempre vestita, si diresse alla scrivania, vi sedette sopra e allargò le gambe, si voltò e gli fece cenno. L'uomo raccolse le brache che aveva alle caviglie, si sedette alla sedia della scrivania e si trovò al centro delle sue gambe aperte. La donna offrì l'intimità che fino a quel momento era rimasta a bruciare e pulsare sotto i vestiti. L'uomo capì e sorrise. Si fece spazio tra gli strati dei vestiti e raggiunse il frutto, guidato dal calore e dal profumo dell'umidità. Scostò la biancheria con un dito e con l'altro si introdusse nel corpo. La Dama spinse indietro il capo, tra le scapole e le spalle, poggiata sui gomiti sulla scrivania, il respiro corto e breve. Le gambe a mezz'aria e la testa dell'uomo che la ispezionava. Con le dita la penetrava e con la lingua coccolava l'esterno bagnato e pulsante. Mr.Slater aprì un cassetto e ne estrasse un netsuke, un oggetto dell'abbigliamento giapponese, un piccolo elefante grande come un mandarino, intagliato nell'avorio. Liscio e sferico, perfettamente levigato e inciso con precisione maniacale. Due piccoli simboli rossi recanti il nome dell'artista. Portò l'oggetto sul monte di lei, lo sfregò con cura e con dolcezza mentre con le dita continuava il massaggio interno. Invertì la posizione e con la miniatura d'avorio maneggiava le labbra della passera gocciolante. Lo introdusse e la pancia si alzava e si abbassava seguendo il respiro, con lentezza e indecente soddisfazione l'uomo faceva uscire ed entrare il piccolo oggetto dalla sua vulva. Rideva soddisfatto e faceva colare saliva tra le sue gambe. Più il gioco si dilungava più Milady respirava profondamente finchè grondò fiotti così irruenti che dalla scrivania colarono a terra. Oscillava tra i brividi del piacere e la vergogna della colpa per aver goduto intensamente con le sole mani dell'uomo. La collera non manifestata si tramutò in costernazione. I due si spostarono. Lei si sdraiò con la pancia sulla scrivania e la testa davanti al membro dell'uomo. Il pene era ancora gonfio ma meno duro di prima. Lo prese in bocca e cominciò a succhiarlo, scappellandolo dolcemente con le dita. Mr.Slater la guidava senza darle tempo di respirare. La giovane strofinava la mazza gonfia contro le labbra e la lingua, seguiva la forma del muscolo con cura e con dolcezza, lo faceva scivolare lungo le gengive, su un lato, adorava il calore del membro dentro la guancia e più assaggiava e più le piaceva, più ne aveva più ne voleva. Aveva la testa in confusione, era in collera ma non ricordava il motivo. Si vergognava perchè l'uomo conosceva la sua initmità, lo aveva trattato con muro di scostante superbia ed egli lo aveva abilmente scavalcato, era stata sfidata e trattata come una cavalla in calore e proprio come una cavalla smaniosa aveva aperto le gambe e la bocca. Il membro dell'uomo usciva ed entrava tra le labbra e per scacciare la vergogna la giovane chiuse gli occhi e strinse più che potè. L'uomo si alzò continuando a premerle la carne venosa in bocca, lei seguiva con la testa i movimenti, con gli occhi serrati e la bocca aperta, le labbra aderenti all'asta. Non sapeva se smettere e imporsi, ricomporsi e fuggire via o se rimanere la a subire la passione e l'abuso dell'uomo che l'aveva offesa. La pallina d'avorio ricomparve. Le mani forti dell'Economo raggiunsero il deretano e con un dito questi cominciò ad entrare ed uscire dal buco. Le mani di lei si raccolsero sotto alla minchia e il movimento da passivo e accomodante di prima, si fece attivo e metodico. Succhiava serrando per bene le labbra, si staccava dal membro per respirare e godere della vista della venatura, tornava ad accoglierlo in bocca e inghiottiva la saliva per risputarla e spargerla con le dita. L'uomo infilò la pallina d'avorio nel retto, la conficcò in profondità con l'indice. La donna si irrigidì e si staccò dal nervo caldo, inarcò la schiena e si oppose con parole sconnesse e insicure, la sua non era una ferma opposizione ma una supplica. La vergogna tornò perchè ancora una volta si accorse di essere indifesa, non dagli assalti di lui ma contro la propria arrendevolezza, voleva imporsi un contegno e non riusciva a metterlo in pratica. L'uomo le bloccò il polso prima che lei potesse dire o fare qualcosa, fermò il pompino che stava ricevendo e le sollevò la testa. La guardava come si guarda un animaletto sudato e tromolante che sta in un angolo. Questo era lei, sudata e tremante di desiderio e di vergogna, piegata e prostrata su una scrivania, con una biglia di avorio infilata nel posteriore e desiderosa di essere forzata e battuta, schiacciata e travolta, scopata e abusata. Lei ricambiava lo sguardo. Uno sguardo di supplica. Voleva essere lasciata in pace, voleva che l'uomo non fosse stato testimone della sua remissività, voleva che la vergogna la lasciasse libera di alzarsi e andarsene ma di fronte al desiderio la vergogna sebbene urlante e palese diventava insignificante e la faceva restare in attesa, sottomessa e ubbidiente. Il viso era rosso e acceso per l'attività, gli occhi erano più grandi del solito, aperti e luminosi, vagavano nello sguardo di lui, senza convinzione, senza accuse, senza appigli, contraddizioni e certezze. La nobildonna era immobilizzata nella volontà ed era impossibile non percepire la collera che divampava nello sguardo, con totale remissività, distolse lo sguardo e abbassò gli occhi. "Così va meglio" disse l'uomo e girò intorno alla scrivania.

Una volta dietro accarezzò le sue natiche da sotto gli abiti. Sfregò la punta della carne madida e rovente contro la sua pelle. Nel mentre la giovane muoveva la testa sospirando e gemendo, la schiaffeggiò più volte sul sedere e lei strinse di nuovo gli occhi per il pudore offeso, offrendo le natiche spingendole anzichè ritrarsi e scansarsi. Poco dopo, senza preavviso, l'uomo la impugnò e la penetrò con fermezza. Attese risoluto con la spada infilata nella preda. La giovane cominciò a soffiare, come per spegnere un tizzone di brace, stringeva forte le gambe, godeva lentamente per il bruciore e il calore improvviso che la infiammava, aveva mille aghi congelati nella schiena, inflitti in veloce successione al contatto dei sessi, dal coccige fino alla nuca. Sentiva le mani dell'uomo intrappolarle i fianchi e impedirle i movimenti e quando la vulva bagnata si rilassò per accogliere il membro il maschio cominciò a scoparla. La pallina d'avorio ancora infilata nell'ano si muoveva in sintonia con il bastone che la percuoteva e stringendo i muscoli la faceva uscire. Il sottile muscolo dell'ano si dilatava lentamente procurandole un intenso piacere concentrato e circolare che vibrando la pungeva dalle cosce al collo, una volta fuori l'uomo spinse di nuovo la pallina dentro di lei con il pollice e mentre la possedeva l'avorio entrava e usciva dal suo corpo ripetendo il piacere che paralizzava il suo arbitrio e immobilizzava la sua volontà. Si sentiva appesa a un tronco spesso come un albero secolare durante una folata di vento inifinito e ululante. Un terremoto che la calpestasse senza potersi mettere in salvo. Avvinghiata a un polipo gigante, caldo e possente che la ricopre di un'infinità di ventose. L'uomo la teneva inchiodata con le braccia e la schiacciava con i movimenti, la ragazza rispondeva ad ogni colpo spingendo la schiena e piegandosi per favorire l'unione.

Il maggiordomo spiava attraverso un buco del muro. Sapeva che l'Economo riceveva signore distinte con il solo scopo di intrattenere "piacevoli conversazioni" ma non poteva immaginare che una nobile così giovane e facoltosa potesse recarsi li per quello stesso motivo. Dal buco i due erano visibili per metà. La nobildonna era di schiena, con il volto riflesso in uno specchio posizionato ad arte dal maggiordomo stesso, aveva il viso sudato e lucido per come la luce vi sbatteva, la capigliatura in disordine e aveva il seno compresso dalla posizione e i vestiti. Gli occhi chiusi e serrati, la bocca aperta e la mascella sottile immobile e incastrata. Il maggiordopo chiamò una servetta a bassa voce, si slacciò le braghe e tirò fuori il pene gonfio. La servetta, che conosceva molto bene quel gesto e quel pene, posò il cesto con le vivande e si accovacciò. Portò alla bocca il membro e cominciò a succhiare. La nobildonna respirava affannosamente e con le mani teneva le proprie natiche aperte e disponibili. L'Economo scansò l'avorio, uscì dalla fica della giovane, passò la punta del muscolo sopra all'ano e vi si impose. Reggendola per i polsi esili la sbatteva con crescente energia, le mani di lei erano aperte sulle natiche e le dilatava separandole. Con la clava infilata nel retto di lei l'uomo si liberò del seme fino ad allora trattenuto. Fuori la servetta mungeva il robusto maggiordomo con la mano piccola, calda e umida. Riceveva gli schizzi di seme sul viso e raccoglieva con la lingua le gocce che aveva sulle labbra. I due uomini respiravano intensamente con il cuore che palpitava furioso, chiusero gli occhi per isolarsi e per godere del piacere in momentaneo distacco. Le due donne erano perfettamente consapevoli del proprio ruolo, appagate dal desiderio di avere e di dare, contente di essere usate come oggetti. Il maggiordomo si rivestì e scacciò la servetta con il solito modo frettoloso e con la solita pacca sul sedere, questa rise e andò via. L'Economo si asciugò l'asta e i genitali sugli abiti di lei, le diede due pacche sul sedere e borbottò qualcosa, si abbottonò, andò a sedersi alla scrivania e si accese la pipa.

La Dama si tirò su, si aggiustò la capigliatura, si ricompose l'abito e ritoccò il trucco. Poi disse "Tornerò io stessa a ritirare i libri della contabilità, fatemi sapere quando potete ricevermi" Si diresse verso la porta che automaticamente si aprì dall'esterno. "Accompagnate gentilmente Milady alla sua carrozza" disse Mr.Slater. "Senz'altro signore" rispose il maggiordomo.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 150): 7.07 Commenti (3)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10